CON GLI ALPINI SULLA MARMOLADA

1915-1917

Arturo Andreoletti, Luciano Viazzi


Recensisci per primo questo prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 14,50

Questo volume vale 15 Punti Gaspari.

La Marmolada, la grande montagna, la « regina delle Dolomiiti », quella di cui l’antica canzone ladina dice fina in pés e forta in verra (dolce in pace e forte in guerra) fu la vera protagonista dei tre anni di combattimenti che si svolsero sulle sue cime, dagli inizi - nel 1915 - al 1917.
Si è spesso ripetuto che se ogni guerra, di per sé, rappresenta un assurdo, particolarmente assurda, ingiusta diremmo, fu quella che si ebbe sulla Marmolada. Ingiusta per le difficoltà che impose agli uomini dei due campi avversi, assurda per i risultati, perché non furono degni di nota ne da una parte ne dall’aItra e questo nonostante i sacrifici, il sangue versato, gli ardimenti individuali. Imprese alpinistiche e dimpstrazioni di coraggio guerriero si fusero insieme, da parte dei nostri alpini, come da parte degli austriaci o dei bavaresi dell’Alpenkorps; tutta gente meravigliosa, esperta di montagna, provata dai sacrifici, incurante del gelo, delle impossibili condizioni di inverni a 3.000 metri di altezza. Certo, la posizione della Marmolada, dal punto di vista strategico, era, specie per noi italiani, di primaria importanza: qualora si fosse potuto sbucare nelle valli di Fassa e di Badia si avrebbe avuto via libera su Bolzano, su Bressanone, su Fortezza.
Così, però, non fu. E le nostre truppe si videro costrette a una lunga, estenuante guerra di posizione.
Fra le unità alpine (che nel settore della Marmolada operarono anche i fanti) si distinse soprattutto un battaglione, il “Val Cordevole”, appartenente al 7° reggimento. Un battaglione su due compagnie, una delle quali - la 206a - comandata dal capitano Arturo Andreoletti, appassionato alpinista, fra i migliori conoscitori della Marmolada. Proprio otto alpini, tutti della 206a e tutti agordini, dovevano giungere il 28 ottobre 1917, a occupare quota 3.153 sulla Marmolada d'Ombretta. Questa impresa, eccezionale dal punto di vista alpinistico e unica sotto il profilo militare, doveva essere anche l’ultima della guerra su questa montagna dolomitica, guerra che cessava con l’abbandono del fronte a causa della disfatta di Caporetto.
Arturo Andreoletti, Luciano Viazzi - CON GLI ALPINI SULLA MARMOLADA

Dettagli

cm. 21x14, pagine 295, 32 fotografie e 3 disegni fuori testo

Ulteriori informazioni

Autore Arturo Andreoletti, Luciano Viazzi
Titolo CON GLI ALPINI SULLA MARMOLADA
Sottotitolo 1915-1917
Altre info No
Editore Mursia
Disponibile anche in eBook su tutti i lettori: N/A
approfondimenti N/A
ISBN No
Anno di edizione 1982
Data inserimento 10/mag/2011
Prezzo € 14,50
Prezzo prenotazione N/A
Video No
Variante colore copertina N/A
colore N/A
'); }); var count = 0; function onloadCallback() { jQuery('.g-recaptcha-form button,input[type="button"],input[type="submit"]').each(function() { count++; var object = jQuery(this); var currentId = "newsletter"+"-"+count.toString(); object.attr("id", currentId); grecaptcha.render(object.attr("id"), { "sitekey" : "6LeOhk0UAAAAACEU8fhHgz-hYMIP_7URjM_FLuPq", "callback" : function(token) { object.parents('form').find(".g-recaptcha").val(token); object.parents('form').submit(); } }); }); }